Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

MIPIM, Cannes, Londra

Nuovo record per la logistica in Europa nel 2011 nonostante la crescente incertezza economica 

16.3 milioni di mq assorbiti complessivamente, 59% al di sopra della media decennale secondo Jones Lang LaSalle


  • Picco del take-up annuale con 16.3 milioni di mq, 59% al di sopra della media decennale
  • Il mercato tedesco rimane leader, registrando il 31% del totale europeo
  • Polonia e Russia scalano la classifica dei mq assorbiti, grazie alla crescente domanda
  • Sviluppi in aumento grazie alle unità built-to-suit, anche se i volumi rimangono bassi
  • Ridotte prospettive di crescita dei canoni per il 2012, nonostante la limitata disponibilità di spazi moderni
MIPIM, Cannes, Londra, 9 Marzo 2012 – Nel 2011, l’assorbimento di asset logistici superiori ai 5.000 mq in Europa (10.000 in Inghilterra) ha raggiunto il picco di 16.3 milioni di mq, il 12% in più rispetto al 2010 e il 59% in più rispetto alla media decennale. L’attività a livello annuale è aumentata nella maggior parte dei mercati, inclusi quelli di Paesi la cui crescita economica è rimasta schiacciata o addirittura contratta nell’ultima parte dell’anno. 
 
Il maggior incremento del take-up a livello annuale si è registrato in Belgio (+121%, anche se la crescita è arrivata da livelli ridotti), Francia (+52%) ed Ungheria (+52%). Una crescita sostanziale è stata anche evidente nei Paesi Bassi (+20%), in Polonia (+28%) e, abbastanza sorprendentemente, in Italia (+26%).
 
Per contro, il take-up è diminuito nella Repubblica Ceca (-47%), in Russia (-14%), in Spagna (-5%) e in Inghilterra (-47%), in parte a causa della scarsa disponibilità di spazi moderni nelle location più richieste.
 
“La continua forte domanda da parte degli utilizzatori è stata condizionata da esigenze quali l’ottimizzazione del network e l’outsourcing, così come la robusta domanda generata dall’e-commerce e la considerevole domanda nazionale nei mercati emergenti sia nell’area CEE (Europa Centrale e dell’Est) che in Asia” commenta Alexandra Tornow, EMEA Industrial and Logistics Research di Jones Lang LaSalle.
 
L’attività più intensa si è registrata in Germania (31% del totale europeo), dove per la prima volta nel 2011 è stato superato il traguardo dei 5 milioni di mq. L’attività in Francia è accelerata durante la seconda metà dell’anno, con quasi 1.9 milioni di mq assorbiti nell’intero 2011, secondo miglior risultato in Europa. L’Inghilterra, invece, è uscita dalla “top 3” dello scorso anno, con un take-up di 1.2 milioni di mq.
 
L’attività è stata ostacolata dalle tetre prospettive di crescita economica e dalla significativa riduzione degli spazi disponibili all’interno di moderni edifici distributivi. Tutto ciò, insieme alla necessità di locazioni lunghe per giustificare nuovi sviluppi built-to-suit, si è tradotto nell’impossibilità di poter sempre soddisfare la domanda.
 
La vivace attività degli utilizzatori ha aiutato la Polonia e la Russia a scalare la classifica dei mq assorbiti nel 2011, rispettivamente con 1.7 milioni e 1.6 milioni. I livelli di take-up sono aumentati grazie alla maturazione del mercato distributivo nelle varie regioni, con l’ottimizzazione del network e l’outsourcing in corso e grazie alla domanda nazionale, sostenuta da una robusta crescita economica nell’area CEE e in Russia; probabilmente questo trend manterrà l’attività su livelli positivi nel medio periodo.
 
Lo sviluppo ha continuato ad aumentare durante tutto l’anno, alimentato dalla forte attività degli utilizzatori, con forti volumi built-to-suit condizionati dai pochi spazi moderni disponibili. I volumi completati del 2011 hanno superato i 5.8 milioni di mq, il 18% in più rispetto al 2010, anche se rappresentano solo la metà di quelli registrati durante il picco del 2008. Nonostante l’aumento degli sviluppi, solo tre Paesi hanno registrato nel 2011 volumi superiori alla loro rispettiva media decennale: la Germania (+58%), il Belgio (+28%) e la Francia (+30%). Negli altri Paesi europei, i nuovi completamenti sono rimasti ancora significativamente al di sotto della propria media decennale, con l’eccezione dell’Italia, dove i volumi sono diminuiti in linea con tale media.
 
A gennaio 2012, la maggior parte dei mercati ha ancora registrato pipeline di sviluppi superiori a quelle dell’anno passato; tuttavia, solo Francia, Italia e Polonia hanno osservato pipeline in espansione nella seconda metà del 2011, mentre lo spazio in costruzione è sceso al di sotto del picco trimestrale registrato nel Q2 in tutti gli altri mercati. “Ci aspettiamo che l’attività di sviluppo rallenti ulteriormente, almeno nella prima metà del 2012, per la combinazione di maggiore rigidità dei mercati degli utilizzatori e restrizioni al credito bancario. La scarsa disponibilità di asset moderni, quindi, peggiorerà in molti mercati, spingendo ulteriormente la crescita dei canoni di locazione in un piccolo numero di mercati selezionati nel 2012, anche se in generale ci aspettiamo che i livelli dei canoni si stabilizzino” commenta Alexandra Tornow.
 
– fine –

Note per i Redattori:
  • I nostri dati sul mercato professionale coprono gli 11 principali mercati europei della logistica: Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Russia (take-up: solo Mosca), Spagna e Inghilterra.
  • L’analisi si basa su unità > 5.000 m² per l’Europa Continentale e > 10.000 m² per l’Inghilterra.