Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Londra

Gli Investimenti Retail in Europa raggiungono i €3.8 mld nel Q1 2012, - 60% rispetto al Q1 2011


Londra, 17 Aprile 2012 – Secondo Jones Lang LaSalle, gli investimenti di immobili retail sono diminuiti nel primo trimestre dell’anno, dopo i volumi eccezionali registrati nel 2011. Analisi preliminari suggeriscono che gli investimenti diretti retail per il trimestre in Europa saranno pari a €3.8 mld, una diminuzione significativa rispetto ai volumi complessivi del Q1 2011 (€9.9 mld) e del Q4 2011 (€8.4 mld). Il trimestre è stato caratterizzato dalla mancanza di grandi transazioni, che avevano sostenuto i volumi nel Q1 2011 (nel quale sono state registrate cinque grandi operazioni oltre i €500 mln, inclusa quella del Trafford Centre per €1.8 mld) e nel Q4 2011.
 
Nonostante i volumi siano generalmente diminuiti, la maggior parte dell’attività rimane geograficamente concentrata in Germania e in Gran Bretagna. L’operazione principale registrata nel mercato tedesco è stata l’acquisto da parte di Allianz del rimanente 45% delle quote nell’Europa Passage di Amburgo da HSH Nordbank per circa €200 mln. In Gran Bretagna la maggiore operazione che ha riguardato i centri commerciali è stato l’acquisto da parte di Resolution dell’Ocean Terminal di Edimburgo da Forth Ports (che si è avvalso della consulenza di Jones Lang LaSalle) per €108 mln.
 
Shelley Matthews, European Retail Capital Markets Director, commenta, “Sono in gioco due fattori. In primo luogo, le forti pressioni economiche stanno limitando la disponibilità di finanziamenti, specialmente per i nuovi prestiti, il che, combinato con le esigenze sempre più rigide degli investitori, limita le transazioni. In secondo luogo, l’incertezza generata dall’attuale crisi dell’Eurozona ha rallentato l’avanzare delle transazioni in alcuni mercati. Ciò, combinato con i pochi deal nati nella seconda metà del 2011, ha comportato la scarsità di operazioni che vengono concluse nel Q1 2012. Tuttavia ci aspettiamo che i volumi si riprendano nel Q2 e nel corso dell’anno, particolarmente in Germania, Polonia e nei Paesi Nordici, grazie ai migliori fondamentali e alla maggiore dimensione del mercato degli investimenti.”
 
– fine –