Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Londra

Canoni nel settore uffici in lieve diminuzione in Europa 

Secondo Jones Lang LaSalle i completamenti in calo rispecchiano l’incertezza del periodo


Londra, 3 maggio 2012 – Secondo lo European Office Index di Jones Lang LaSalle, i canoni prime degli uffici sono diminuiti dello 0.3% nel Q1 2012. Si tratta della prima riduzione globale dei canoni registrata dal Q4 2009. Questo dato nasconde in realtà oscillazioni al rialzo e al ribasso: diminuzioni sono state riscontrate a Bruxelles (-5.0%), Madrid (-1.9%), Barcellona (-1.4%) e Parigi (-1.2%), a fronte di aumenti registrati in Lussemburgo (+5.3%), a Stoccolma (+2.4%) e ad Amburgo (+2.1%).
 
Il mercato delle locazioni continuerà ad essere stabile
 
Sulla scia delle prospettive economiche per l’intera regione, le previsioni di crescita per il 2012 sono state riviste al ribasso. Mercati caratterizzati da condizioni economiche solide, come quelli di Gran Bretagna e Germania, avranno probabilmente buone performance mentre economie con maggiori difficoltà, come quelle di Grecia, Portogallo, Spagna e Italia, registreranno ancora tensioni nel mercato del lavoro e ciò si rifletterà sui canoni. L’Office Clock di Jones Lang LaSalle mostra il divario tra i vari mercati nella regione; mentre il primo mercato (Amsterdam) raggiunge le ore 12, ad indicare che il prossimo passo sarà la riduzione dei canoni, 14 mercati rimangono ancora alle ore 6 o prima, ad indicare che i canoni sono ancora al livello più basso oppure stabili.  
 
I volumi delle locazioni restano costanti, ma il 2012 sarà peggiore rispetto al 2011
 
Le aspettative parlano di utilizzatori cauti nel breve periodo e di volumi di locazioni nel 2012 leggermente inferiori a quelli registrati nel 2011, ma in linea con la media nel lungo periodo. Nel Q1 2012 sono stati assorbiti complessivamente 2.3 milioni di mq, il 15% in meno rispetto al Q1 2011, con locazioni in calo soprattutto in Germania, che partiva dagli alti livelli dello scorso anno, e a Parigi, dove sono scese del 18%.
Assorbimento netto inferiore del 16% rispetto al Q1 2011
 
L’assorbimento netto annuale, che rappresenta il cambiamento nello stock occupato, è stato pari a 3.1 milioni di mq, il 16% in meno rispetto al Q1 2011. L’aumento dei livelli in Europa Occidentale è stato sostenuto dalla forte performance dei mercati tedeschi, mentre l’assorbimento netto è diminuito nell’intera area CEE.
 
I tassi di vacancy rimangono al 10% circa, nonostante i bassi livelli dei completamenti
 
I tassi di vacancy in Europa restano invariati al 9.9% nel trimestre, con valori aggregati stabili nella parte occidentale ma in aumento nei mercati dell’area CEE, a causa degli utilizzatori che reimmettono sul mercato spazi di seconda mano. Budapest ha registrato il maggiore incremento, +110bps al 20.3%.
 
Bill Page, Director, EMEA Offices Research di Jones Lang LaSalle ha commentato: “I livelli globali di vacancy scenderanno lentamente nel corso del 2012. Ciò sarà dovuto al volume molto basso di nuovi spazi immessi sul mercato. Nel primo trimestre di quest’anno, solo 600.000 mq circa di spazi ad uso uffici sono stati completati in Europa: un altro record negativo, il 54% al di sotto della media quinquennale. Ci aspettiamo che la reazione a questo dato da parte degli sviluppatori  sarà lenta, data la persistente bassa disponibilità di finanziamenti. In più, molti progetti attualmente in fase di sviluppo su base speculativa potrebbero essere rimandati o cancellati, mentre lo stock in arrivo sul mercato è spesso già pre-let”. 
 
Investimenti in uffici a €13 mld nel Q1 2012
 
Le transazioni di uffici hanno registrato quasi €13mld nel Q1 2012, un aumento del 27% rispetto al Q1 2011. I rendimenti ponderati rimangono invariati in Europa al 5.27%, con movimenti in solo due mercati: i rendimenti sono aumentati di 50bps a Budapest dove la fiducia degli investitori nelle prospettive economiche è diminuita, mentre la forte domanda degli investitori per prodotti core ad Amburgo ha portato ad una compressione di 10bps.
 
Chris Staveley, Head of EMEA Office and Industrial Capital Markets di Jones Lang LaSalle aggiunge: “Se comparati con quelli del Q1 2011, i capital value sono aumentati del 3.8% e ciò, insieme alla stabilità dei rendimenti e della domanda, rappresenta un costante progresso. Ogni crescita che osserveremo in Europa sarà spinta dall’aumento dei canoni degli uffici prime più ricercati, mentre l’interesse nei prodotti secondari continuerà ad essere basso.”
 
– fine –
 
Note per i Redattori:
 
Grafici aggiuntivi disponibili su richiesta.