Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Chicago, Londra, Singapore

Nel primo trimestre 2013 Europa, Asia-Pacifico e Americhe registrano una marcata crescita dei volumi globali relativi agli immobili commerciali

I dati preliminari di Jones Lang LaSalle indicano che i volumi degli investimenti diretti hanno raggiunto i $94 miliardi, con un aumento di 8 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno


​​Gli immobili commerciali continuano ad attrarre l’interesse degli investitori di tutto il mondo: secondo la ricerca sui mercati dei capitali condotta da Jones Lang LaSalle in 60 paesi, i dati preliminari sui volumi globali degli investimenti immobiliari nel primo trimestre del 2013 raggiungono i US$94 miliardi. Rispetto allo stesso trimestre del 2012, i volumi degli investimenti immobiliari nel primo trimestre del 2013 registrano un aumento di 8 punti percentuali. 

La rinnovata fiducia nella ripresa economica mondiale e la domanda costante da parte di investitori in immobili continuano a sostenere la crescita dei volumi; alla fine del trimestre Germania, Giappone e Stati Uniti registrano dati molto positivi. Altri indicatori:

• Tutte le regioni segnalano aumenti rispetto allo scorso anno; Americhe, Europa, EMEA e Asia-Pacifico registrano un rialzo compreso tra i 7 e gli 8 punti percentuali rispetto all'anno precedente. La crescita nelle Americhe è frutto degli incrementi sui due grandi mercati di Stati Uniti e Canada (con una crescita del 20% e del 6% rispettivamente).
• L'aumento dei volumi in Asia-Pacifico è correlato all'incremento su base annua pari al 30% in Giappone e a maggiori volumi di investimento a Singapore e Hong Kong. Nel complesso, la regione conquista 8 punti percentuali in più rispetto al primo trimestre del 2012.
• Regno Unito, Francia e Germania, i tre principali mercati europei, contribuiscono nell'insieme all'aumento dei volumi delle transazioni, con la Germania che registra volumi di investimento più elevati di quasi il 40% rispetto allo scorso anno.
• Considerati i risultati del primo trimestre, continuiamo a mantenere la nostra previsione per l'anno in corso intorno ai US$450-500 miliardi, con un'ulteriore crescita dei volumi trimestrali nel prosieguo dell'anno.

Arthur de Haast, Head of International Capital Group di Jones Lang LaSalle, ha affermato: “Volumi pari a quasi US$100 miliardi nel primo trimestre dell'anno, in quello che è storicamente un periodo poco attivo, dimostrano l'interesse costante degli investitori verso gli investimenti immobiliari diretti. Sostenuto da un ambiente economico globale che migliora lentamente e dal valore delle proprietà in aumento soprattutto nelle città principali, il numero di asset in vendita continua a crescere.”

David Green-Morgan, Head of Global Capital Markets Research, ha dichiarato: "Le positive tendenze registrate su tutti i mercati immobiliari incoraggiano i compratori a cercare opportunità posizionate poco sopra la curva di rischio e i venditori apprezzano il numero crescente di acquirenti che visionano immobili anche in location secondarie. Questi due fattori stimolano la crescita dei volumi, e prevediamo che questo trend prosegua per il resto del 2013.”