Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Londra, Chicago, Singapore

Volumi degli investimenti immobiliari globali nell'intero 2013 in crescita del 18%, con il 2014 pronto a superare $600 miliardi

Jones Lang LaSalle annuncia che i volumi degli investimenti immobiliari globali per il Q4 e per l'intero 2013 hanno raggiunto i livelli più alti dal 2007


​Migliori condizioni economiche globali e una maggiore liquidità hanno spinto i volumi degli investimenti immobiliari commerciali globali del Q4 2013 fino a quota $183 miliardi, secondo Jones Lang LaSalle, contribuendo a volumi dell'intero anno per un totale di $549 miliardi, un aumento del 18% rispetto al 2012.

I volumi degli investimenti immobiliari commerciali globali in Asia Pacifico hanno mostrato la maggiore crescita regionale con +26%, quindi con volumi che sono tornati ai livelli di picco record del 2007: $124 miliardi. Il mercato giapponese in ripresa ha dato un importante contributo al 2013, con una crescita in dollari del 63%, che ricolloca il Giappone come terzo mercato più attivo a livello mondiale dopo Stati Uniti e Regno Unito. I volumi di investimento sono cresciuti fino a raggiungere livelli record sia in Cina, in crescita del 66%, che in Australia, in crescita del 30%. 

Le Americhe hanno visto continui miglioramenti nelle condizioni di mercato e nella fiducia degli operatori, nonostante le sfide economiche e politiche che si sono susseguite durante l'anno. I volumi dell'intero anno in tutta la regione hanno raggiunto $240 miliardi, in crescita del 18%, mentre i volumi del Q4 sono cresciuti del 17%, raggiungendo $87 miliardi. I principali mercati di Stati Uniti e Canada sono entrambi cresciuti del 20%. Il quadro nei più volatili mercati latinoamericani è stato incerto, con un anno particolarmente dimesso nel caso del Brasile.

I mercati europei hanno visto alcuni dei migliori risultati dal 2007, con una crescita record complessiva del 14% in termini di dollari, con volumi dell'intero anno pari a $184 miliardi. Il Regno Unito e la Germania, due dei tre grandi, sono cresciuti del 19% e 17% rispettivamente. Una grande attività è stata registrata in tutti i mercati d'investimento europei più piccoli, in tutti i settori immobiliari.

Jones Lang LaSalle prevede che i volumi degli investimenti immobiliari in immobili commerciali nel 2014 supereranno quota $600 miliardi, attestandosi su $625 miliardi, che rappresentano un'ulteriore crescita del 14% su base annua. La crescita più significativa del 2014 è attesa nelle Americhe, con una previsione di un’ulteriore crescita dei volumi del 20%, affiancata da crescita economica, minori distrazioni politiche e migliore liquidità attraverso il debito e i mercati azionari. Un Q1 2014 eccezionalmente forte è atteso in Europa, che prelude ad una crescita del 10% su base annua nel 2014, dovuta all'ampliamento di attività in diverse aree geografiche e settori, il tutto sostenuto da liquidità e da un miglioramento della fiducia degli operatori.

Si prevede che i mercati dell'area Asia Pacifico continuino a crescere anche nel 2014, dato il miglioramento della ripresa economica globale e la solida domanda da parte degli investitori nazionali, a sostegno di una previsione complessiva di crescita dei volumi nella regione del 10%. 

Arthur de Haast, Lead Director, Group International Capital, JLL - "I mercati globali dei capitali immobiliari continuano a migliorare a seguito delle ottimistiche previsioni economiche globali e del sentimento degli investitori.  Il real estate sta sicuramente beneficiando del desiderio degli investitori di possedere asset che producono reddito consolidato, a fianco di, e in alcuni casi a preferire, opportunità di investimento più liquide.  Il desiderio di investitori esperti di esaminare le opportunità che richiedono asset management o soluzioni più creative ha contribuito a spingere i volumi del 2013 oltre le nostre aspettative iniziali. Questo trend dovrebbe continuare nel 2014, pertanto siamo fiduciosi che i volumi di investimento continueranno a crescere".

David Green-Morgan, Global Capital Markets Research Director, JLL  - "Mentre i flussi globali di capitali rimangono ben al di sotto dei livelli di picco, con poca crescita negli ultimi anni, il settore immobiliare continua a vedere un aumento di flussi di capitale tra paesi e regioni.  Gli investitori cercano, in numero sempre crescente, opportunità fuori dei mercati nazionali, e si prevede che questa tendenza probabilmente non si invertirà nel breve e medio termine.  JLL ha registrato una crescita a due cifre dei volumi di transazioni in tre degli ultimi quattro anni, e ci aspettiamo che questo trend prosegua nel 2014 con volumi superiori a 600 miliardi di dollari, un aumento del 14% rispetto al 2013".