Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Milano

Canoni Prime: la fine di un ciclo?

Di seguito i principali risultati riportati nello studio European Office Clock di Jones Lang LaSalle relativo al secondo trimestre del 2009


Milano, 07 Settembre 2009 – L’Indice che sintetizza l’andamento dei canoni di locazione prime in 24 mercati Europei, rilevato da Jones Lang LaSalle per il settore degli uffici, ha evidenziato nel secondo trimestre dell’anno una diminuzione trimestrale del 4,6%, pari ad una variazione media annua del 15,4%. Il trend in diminuzione dei canoni è rallentato nella maggior parte dei paesi monitorati ed il ciclo sta per entrare in una nuova fase. Mosca è stato il mercato con la maggiore contrazione trimestrale dei canoni prime pari al 30%, seguita da Dublino e Madrid con diminuzioni pari rispettivamente al 18% e 10%. Londra, con una riduzione annua del 32%, ha raggiunto potenzialmente il punto estremo della fase di rallentamento dei canoni. I mercati italiani hanno resistito meglio degli altri paesi, in termini di variazione sia trimestrale sia annua dei canoni di locazione, soprattutto Roma, con canoni prime stabili nel secondo trimestre, seguita da Milano che ha totalizzato una riduzione del 5% sul
trimestre precedente.
 
“Fino ad ora l’Italia ha resistito meglio degli altri paesi europei all’attuale crisi che ha portato molti dei mercati maturi a forti contrazioni nel valore dei canoni prime su base annua. Uno dei fattori che ha contribuito a contenere la diminuzione dei canoni prime nelle città italiane è stato la scarsa offerta di immobili di qualità, che ha mantenuto il livello di vacancy  basso soprattutto nelle zone centrali” afferma Pierre Marin, amministratore delegato per Jones Lang LaSalle Italia.
Oggi anche il vacancy inizia ad aumentare e ciò avrà una ripercussione sul trend d ei canoni di locazione nei prossimi mesi. In Europa il vacancy rate registrato alla fine del secondo trimestre 2009 è stato del 9,3%, in crescita di 80 Bps. Nei mercati italiani questo indicatore ha toccato il 5,7% a Roma, un aumento di 40 Bps sul trimestre precedente, e l’8% a Milano, con un incremento trimestrale di 122 Bps.
 
I nuovi progetti che saranno completati entro la fine di questo anno e nel prossimo futuro, soprattutto a Milano, porteranno il livello di sfitto a crescere ulteriormente. Ciò, insieme ad un assorbimento in diminuzione a causa della domanda debole, contribuirà ad un’ulteriore contrazione dei canoni nelle città italiane nei prossimi mesi.
 
“In Italia inizieremo a vedere, molto probabilmente, una stabilizzazione dei canoni prime a partire dalla metà del 2010” conclude Marin.
– fine –
 
Per visualizzare il report: European Office Property Clock