Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Le notizie

Londra

I volumi europei degli investimenti immobiliari retail crescono a € 9,6 miliardi nel 2° trimestre 2014

Alcune operazioni di rilievo ed un ampliamento delle prospettive geografiche spingono i volumi in aumento dell’86% rispetto al Q2 2013; attesi volumi sopra i € 30 miliardi per l’intero anno 2014


JLL segnala un trimestre molto positivo per l'investimento immobiliare retail in Europa, con il volume del 2° trimestre che raggiunge € 9,6 miliardi, in crescita del 86% rispetto al volume di € 5,2 miliardi del 2° trimestre 2013. Il volume del primo semestre dell'anno pari a € 16.4bn è del 44% superiore al volume della prima metà del 2013, e il 35% sopra la media del primo semestre degli ultimi cinque anni.

Il secondo trimestre è stato caratterizzato da operazioni di rilievo in alcune principali città europee, quali Londra e Parigi. La più grande transazione è stata l'acquisto per €805m (£656m) di una quota del 30% del Shopping & Leisure Center Bluewater, situato nel Kent, da parte di Land Securities. Nel contempo, a Parigi, un consorzio di investitori privati riuniti intorno a Foncière Apsys ha acquisito il centro commerciale Beaugrenelle ad un prezzo di circa €700m. Queste due operazioni mostrano il costante appeal dei progetti dominanti e di grandi dimensioni all'interno delle mega-città europee, che beneficiano di solidi fondamentali economici, derivanti in parte da una continua urbanizzazione, che sostiene popolazioni e bacini nelle città di tutto il mondo. Le prospettive per questo tipo di prodotto dominante in tutta l'Europa rimangono positive, questo è stato riconosciuto dal mercato degli investimenti con circa 20 progetti con singoli valori di oltre €400m scambiati in Europa (in piena proprietà o partecipazioni) dall'inizio della crisi finanziaria.

Adrian Peachey, Head of Retail Capital Markets UK, ha commentato:

"La domanda da parte degli investitori per Bluewater si è dimostrata forte, con circa 10 soggetti che hanno mostrato serio interesse. Il rendimento finale indicato, del 4,1%, riflette l'attrattiva del bene sul mercato associato alla notevole ulteriore capacità di esprimere valore grazie all'asset management del 100% del bene. Gli investitori stanno acquisendo maggiore certezze quando investono in questo tipo di prodotto. Una combinazione di forti fondamentali economici locali, la connettività, ricchezza e vitalità, l'identità, e la gestione dinamica e proattiva, contribuiscono alla buona tenuta di beni come Bluewater."

Geograficamente, le attività all'interno dei mercati importanti e liquidi del Regno Unito, Germania e Francia mantengono una domanda sostenuta; infatti questi tre mercati insieme rappresentano oltre il 70% dei volumi totali nel trimestre. Tuttavia, oltre a questo focus perdurante sui mercati core, c'è stato anche un ampliamento continuo degli obiettivi geografici di investimento che si è evidenziato negli ultimi trimestri. In particolare, segnali di ripresa economica e un miglioramento generale della fiducia dei consumatori nel recupero dei mercati di Italia e della Spagna hanno suscitato notevole interesse e attività da parte degli investitori, in particolare da parte di alcuni investitori che stanno sempre più cercando valore al di fuori dei mercati core. La Spagna, considerando la prima metà del 2014, ha visto la crescita su base annua più significativa, seguita dall'Ungheria e l'Irlanda.

David Brown, Retail Capital Markets Spain, continua:

"In Spagna il volume degli investimenti retail del primo semestre è stato vicino a € 1 miliardo, più del doppio rispetto al volume totale del 2013, dopo che i proprietari hanno approfittato della forte domanda da parte degli investitori, cogliendo l'opportunità di offrire beni in vendita sul mercato. Ci sono ulteriori € 650m di operazioni attualmente in fase di contrattazione e anche la fiducia degli investitori è cresciuta nel corso dell'anno come anche i segnali di un tendenza in evidente miglioramento di vendite nei centri prime e good secondary che ha alimentato la fiducia positiva degli investitori, spingendo i prezzi verso l'alto. Con ulteriori €750 di operazioni sul mercato o che arriveranno ufficialmente sul mercato nel mese di Settembre, ci aspettiamo una seconda metà dell'anno molto dinamico, con un volume totale di investimento retail in Spagna che potrebbe superare €2 miliardi, per la prima volta dal 2006".

Guardando al futuro, visto il miglioramento del sentiment economico, un crescente peso dell'equity e il numero delle transazioni nella pipeline, ci aspettiamo che i volumi europei di quest'anno superino i € 30 miliardi, come previsto all'inizio dell'anno nel nostro rapporto 'European Retail Investment Market Review', e poter registrare potenzialmente il maggior volume dal 2011.